Ghostbusters: Legacy – Empire intervista il Co-sceneggiatore Gil Kenan

Intervista esclusiva su Empire. Nonostante un ritardo imposto dalla pandemia, Ghostbusters: Legacy è in arrivo da noi l’anno prossimo. Prima che il regista Jason Reitman raccolga il testimone – o la bacchetta protonica – da suo padre Ivan e porti l’ultimo capitolo della storia sugli schermi, ha scritto la sceneggiatura con il regista di Monster House Gil Kenan . L’Impero saltò sullo zoom spaventoso per parlare con Kenan della sua esperienza.

Anche se Kenan potrebbe non avere il legame familiare con il film che Reitman può rivendicare, è un fan di lunga data soprattutto del primo film, che era nei cinema dall’altra parte dello stagno quando si trasferì a Los Angeles da Tel Aviv con la sua famiglia nel 1984.

“I ci siamo avvicinati come chiunque con enorme rispetto e paura, e l’amore per i film che ci hanno plasmato e ci hanno ispirato nella crescita”,

dice del lavorare al nuovo film, con Carrie Coon , Paul Rudd , Finn Wolfhard e McKenna Grace . La storia riprende quando la figlia di uno dei ‘buster (Callie di Coon) si trasferisce in una vecchia casa lasciatole da suo padre (i trailer non sono stati specificati, ma tutti i segni indicano il defunto Harold Ramis’Egon Spengler) con i suoi figli e scoprendo un tesoro di tecnologia … E una nuova minaccia soprannaturale.

Parlando di tecnologia, Kenan era entusiasta di poter giocare sia con i giocattoli che gli acchiappafantasmi hanno impiegato durante il film sia con il modo in cui lui e Reitman avevano i loro set anche prima che quest’ultimo entrasse sul set.

“Eravamo circondati da alcuni dei giocattoli mentre stavamo scrivendo e li usavamo per mettere in scena le scene, che era letteralmente il modo in cui i giocattoli hanno informato il processo.”

Ma non si trattava solo di giocare con trappole fantasma o di spingere le auto Ecto-1 attorno a un tavolo.

“Sapevamo che le parole che scrivi e che Jason ha portato in vita sullo schermo creeranno un’altra generazione di giocattoli e di giovani che ci giocano e si ispirano, è per questo che lo facciamo, è il sogno.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *